Mese: gennaio 2019

C-SPIN arricchisce la propria strumentazione per la diagnostica strutturale con HILTI Ferroscan PS 200

Le capacità di diagnostica strutturale di C-SPIN si ampliano con la dotazione di HILTI Ferroscan PS 200

“Ferroscan” è uno strumento dalle notevoli potenzialità operative poiché permette di rilevare la posizione, le caratteristiche dimensionali e la profondità dei ferri d’armatura presenti nei c.a. esistenti di qualsiasi dimensione e forma (pilastri, setti, muri e travi) con un alto grado di precisione e soprattutto in modo non distruttivo. E’ possibile infatti individuarne il diametro, il passo, il ricoprimento (anche in presenza di intonaco, come tipicamente accade), l’esistenza e le caratteristiche dei ferri di ripresa e di eventuali ganci e/o uncini.

Può essere utilizzato, in modo autonomo, per una immediata restituzione grafica, anche tridimensionale, dell’armatura esistente. Risulta dunque utile in un primo livello di conoscenza della struttura finalizzata all’esecuzione di verifiche statiche e sismiche o preliminarmente a revamping, riprogettazioni o a previsione di cambi di destinazione d’uso, soprattutto in assenza della documentazione strutturale originaria, limitando ad esempio il ricorso a prove distruttive in punti limitati ed estendendo il rilievo globale mediante questa tipologia di indagine a carattere non distruttivo, con evidenti vantaggi per la Committenza.

In una campagna diagnostica più vasta ed approfondita, invece, permette di pianificare con precisione e velocità le successive fasi di indagine, ad esempio definendo i punti di possibile carotaggio eliminando in questo modo il rischio di taglio dei ferri e di conseguenza l’indebolimento della struttura oppure indicando con precisione le aree di scasso localizzato riducendo i tempi totali di esecuzione della campagna diagnostica.